in ,

Fantacalcio, si riparte: ecco su chi puntare in difesa

La finestra dedicata alle nazionali si è conclusa e il fantacalcio si prepara a tornare in campo: ecco una lista dei difensori su cui puntare

Tomori (Milan)
Tomori (Milan)

Dopo sette giornate di Serie A, è tempo di tracciare i primi bilanci per i fantallenatori. In questo scorcio iniziale del campionato, accanto alle certezze non sono mancate le sorprese, sia positive che negative. Qui vi proponiamo una carrellata dei difensori più brillanti sul piano del rendimento – con l’aiuto delle statistiche di Fantacalcio.it – e di quelli partiti in sordina da cui ci si attende un miglioramento. Insomma, gli uomini che non possono mancare nella retroguardia della vostra squadra.

Novità e sorprese

Partiamo subito con una novità: il primo per fantamedia è Arthur Theate (8.67), difensore belga arrivato al Bologna in estate. I suoi numeri vanno presi con la debita attenzione – è sceso in campo appena tre volte – ma lasciano presagire un campionato condito da qualche bonus. Ha esordito in A con un gol all’Inter e nell’ultimo turno ha regalato una rete e un assist contro la Lazio. Il cambio modulo – dal 4-2-3-1 al 3-4-3 – operato da Mihajlovic proprio nella gara coi biancocelesti potrebbe lanciare definitivamente il centrale, che ha dimostrato di saperci fare anche nell’area avversaria.

Due reti e un assist è lo stesso bottino di Lorenzo De Silvestri (7.14), altro difensore dei felsinei in grande spolvero. Col passaggio alla difesa a tre l’esterno si è spostato sulla linea dei centrocampisti, dove può essere più incisivo in zona bonus. Tra i difensori impiegati in mediana, si sta mettendo in luce Mohamed Fares (7.2). L’algerino ha debuttato con la maglia del Genoa realizzando una clamorosa doppietta sul campo del Cagliari e vuole riscattarsi dopo la stagione opaca con la Lazio. Non dovrete spendere cifre esorbitanti per assicurarvelo: merita una chance.

Rrahmani (Napoli)
Rrahmani (Napoli)

Nella categoria low cost rientra pure la rivelazione Andrea Cambiaso, compagno di squadra di Fares in rossoblù. Il classe 2000 è a quota 6.79 grazie a una rete e due assist. Un’altra delle sorprese della prima parte di campionato è il kosovaro Amir Rrahmani del Napoli. In difficoltà l’anno scorso, adesso si sta guadagnando a suon di prestazioni la titolarità a scapito di Kostas Manolas, nettamente calato rispetto alle stagioni romaniste. L’ex Verona – 4 presenze – può vantare una media stellare (8.25), figlia dei due gol realizzati.

Certezze

Rrhamani è al momento il partner ideale di Kalidou Koulibaly, che rientra tra le sicurezze assolute: due gol e un assist in sette gare gli valgono un 7.86 di media. Magari non segnerà quanto Robin Gosens e Theo Hernandez, ma col comandante senegalese la sufficienza è garantita. Come il centrale partenopeo, l’atalantino e il milanista sono delle certezze. L’esterno olandese (6.42) è partito col freno a mano tirato e ha dovuto arrendersi a un infortunio che lo terrà fuori per un paio di mesi.

Theo Hernandez (Milan)
Theo Hernandez (Milan)

Chi ha puntato su di lui, lo aspetti con pazienza: tornerà affamato di bonus. Continua, invece, lo stato di grazia del francese, autore di un gol e due assist nei primi sette incontri. Non potrà ritoccare il suo 7.07 di media nel match di sabato col Verona a causa del Covid, a cui è risultato positivo nell’ultimo test in nazionale, e dovrà rinunciare al tanto atteso duello con Faraoni. Il laterale del Verona – 7.42 di media con due gol e un assist all’attivo – non è più una sorpresa per i fantallenatori: il lavoro di Juric lo ha reso uno dei migliori del campionato nel suo ruolo e anche quest’anno promette faville.

Così come Domenico Criscito (7.36), rigorista del Genoa e punto di riferimento per chi punta sul modificatore difesa. Finora, il capitano del Grifone è stato infallibile dal dischetto – 3 su 3 – e ha servito un assist. Parlando di certezze è impossibile non menzionare Juan Cuadrado (6.7), funambolo della Juventus. Il colombiano è uno specialista del +1 e del dribbling; inoltre assicura un rendimento costante. Il 6.5 è il minimo che potete chiedere al laterale sudamericano.

Motorini di fascia

Gli esterni sono solitamente i giocatori più appetibili alle aste e se non volete svenarvi per i vari Hernandez, Gosens e Cuadrado, questi sono i nomi che fanno al caso vostro. Cominciamo da Davide Calabria (7.2): il terzino destro del Milan è migliorato esponenzialmente grazie alla cura Pioli, soprattutto in fase propositiva. Ha disputato cinque delle prime sette partite totalizzando un gol e un assist; adesso, ci si aspetta che dia continuità alle ottime prestazioni sfoderate fin qui. In coppia con lui, sarebbe saggio prendere il giovane Pierre Kalulu: il Milan è impegnato su più fronti e il tecnico rossonero gli darà spazio.

Passando all’altra sponda del Naviglio, invece, sono tre i laterali da tenere in considerazione: Matteo Darmian, Denzel Dumfries (6.3) e Federico Dimarco. Dumfries, interessante volto nuovo dell’Inter di Inzaghi, ha evidenziato qualche limite e avrà bisogno ancora di tempo. Il suo rendimento non è stato negativo però ci si aspetta molto da lui, che ha il gravoso compito di non far rimpiangere Achraf Hakimi. L’olandese sta cercando di prendere le misure al campionato italiano; nel frattempo, spazio al navigato Darmian, che vanta una media pari a 6.75 frutto di una rete e un passaggio decisivo.

Dimarco (Inter)
Dimarco (Inter)

Poco più in basso in classifica, con un notevole 6.67 c’è Dimarco. Sbagliava chi pensava che potesse giocare col contagocce: non è sempre titolare, ma è stato impiegato in tutte le partite e ha regalato un gol e due assist. L’unico incidente del suo percorso è stato il rigore fallito contro l’Atalanta di Zappacosta (6.7), nome che vi invitiamo a segnare sul taccuino. L’infortunio di Gosens e il rendimento a corrente alternata di Maehle sono occasioni ghiotte per l’ex granata. Gasperini si fida di lui: lo vedremo spesso in campo. Altri nomi da evidenziare tra i terzini di spinta: Karsdorp (6.29) della Roma, Ansaldi (6.9) del Torino e Singo (6.71), anche lui granata.

Centrali abbonati alla sufficienza

Pochi sono i centrali capaci di assicurare la sufficienza costante, per i cartellini o per la scarsa presenza nell’area avversaria. Ci sono le eccezioni, però. Skriniar è una di queste: il suo 6.86 di media è la testimonianza di una partenza da urlo, coronata da due reti. Non ha ancora segnato, ma Tomori (6.36) si sta confermando uno dei difensori più affidabili per i fantallenatori. Nella retroguardia del Milan, lui è l’unico che ha giocato tutte le gare; è raro vederlo sbagliare una lettura, e non ricorre quasi mai alle maniere forti per ostacolare gli attaccanti che transitano dalle sue parti.

Milenkovic (Fiorentina)
Milenkovic (Fiorentina)

Restando in alta classifica, da sottolineare le prove offerte dai centrali della Juventus Bonucci (6.5) e de Ligt (6.83). Allegri ha registrato la fase difensiva e, complice la spesso precaria condizione di Chiellini, punterà quasi sempre sull’azzurro e sull’ex Ajax. Bene anche Bremer del Torino (6.83), Milenkovic della Fiorentina (6.42) e Toloi dell’Atalanta (6.5). Stanno deludendo due big come Acerbi (5.71) e de Vrij (5.79), ma non c’è da preoccuparsi: torneranno a guidare brillantemente i reparti arretrati di Lazio e Inter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

      Immobile (Lazio)

      Fantacalcio Classic, i migliori attaccanti da prendere all’asta

      Lautaro Martinez (Inter)

      Probabili formazioni e Fantaconsigli dell’8ª giornata di Serie A