in ,

Fantacalcio, dai top alle scommesse: i centrocampisti da prendere all’asta

Un ruolo importante al Fantacalcio è quello del centrocampista, che può essere decisivo se gli attaccanti non segnano: ecco alcuni consigli su chi acquistare all’asta, tra top, buoni titolari e scommesse

Lorenzo Pellegrini (Roma)
Lorenzo Pellegrini (Roma)

I top: tanti gol e assist

Al Fantacalcio è importante puntare sui giocatori giusti, quelli che possono portare bonus o buoni voti: quest’anno, uno dei reparti in cui c’è più abbondanza è indubbiamente il centrocampo, nel quale possiamo trovare diversi calciatori top per questo gioco. I più ambiti e probabilmente i più pagati saranno Federico Chiesa ed Henrikh Mkhitaryan: l’esterno italiano è reduce da un’ottima prima stagione con la Juventus, avendo realizzato 9 gol e 5 assist, mentre il trequartista armeno ha fatto anche meglio, in quanto è reduce da 13 gol e 10 assist, dunque se volete un grande nome per il vostro centrocampo provate a prendere uno di questi due, perché sono quasi due attaccanti. Altri giocatori dal bonus facile e dall’alto rendimento sono i tre della Lazio, ovvero Luis Alberto, Sergej Milinkovic-Savic e Felipe Anderson: lo spagnolo dà sempre qualità alla mediana biancoceleste e fa la differenza, alternando stagioni ricche di passaggi vincenti ad annate in cui è più propenso a segnare, il serbo è la solita certezza con buoni voti e un discreto bottino di gol ogni anno, mentre il brasiliano è la novità di questa stagione, anche se aveva già giocato nella Capitale lasciando un buon ricordo ai fantallenatori, dunque merita fiducia perché potrà stupire.

Chiesa (Juventus)
Chiesa (Juventus)

Leggermente più indietro, ma comunque con grande considerazione, c’è Ruslan Malinovskyi: l’ucraino esplode solitamente nel girone di ritorno, motivo per cui ci vorrà un po’ di pazienza con lui, ma i suoi numeri sono ottimi, l’anno scorso ha chiuso con 8 gol e 11 assist. Un fattore importante da valutare, poi, è quello dei rigori: i due centrocampisti rigoristi migliori sono Jordan Veretout e Franck Kessié: il primo è quasi infallibile dal dischetto e riesce a far gol anche su azione, mentre il secondo è più propenso a portare bonus dagli undici metri, ma regala spesso voti alti. Nella Roma troviamo altri due big del centrocampo, ovvero Nicolò Zaniolo e Lorenzo Pellegrini: il classe 1999 viene da un doppio grave infortunio ma ormai ha superato tutti i problemi fisici e vuole tornare a fare la differenza, come ha fatto intravedere in passato con un buon numero di reti, mentre il classe 1996 è sempre più al centro del gioco dei giallorossi, agisce da trequartista, segna, fa segnare, è il vice rigorista, insomma ha tutto per darvi tante soddisfazioni.

Chiudiamo con tre nomi in ascesa che possono fare le vostre fortune a un prezzo più contenuto rispetto agli altri top, cioè Piotr Zielinski, Roberto Pereyra e Brahim Diaz: il polacco può giocare da mezzala nel 4-3-3 o da trequartista centrale nel 4-2-3-1, più probabile la seconda opzione, e da lì può far male alle difese avversarie, come ha più volte dimostrato di saper fare, l’argentino è il candidato principale a raccogliere l’eredità di un certo Rodrigo De Paul, si è preso i rigori, può giocare anche a ridosso della punta ed è leader della sua squadra, lo spagnolo sta diventando sempre più importante nel Milan, è ormai un titolare a tutti gli effetti e vede la porta, i bonus ci saranno.

I buoni titolari: ottimi voti e qualche bonus

Oltre ai top, quelli da primo slot, ci sono anche i buoni titolari, che possono benissimo occupare il secondo o il terzo posto nelle vostre gerarchie di formazione per la loro costanza di rendimento e perché ogni tanto portano qualche bonus. I primi nomi che vengono in mente in questa categoria sono quelli di Nicolò Barella e Antonio Candreva: il centrocampista dell’Inter e della Nazionale italiana è in un grande periodo di forma, gioca sempre e qualche volta va a segno o regala passaggi vincenti, viene da un buon bottino di 3 gol e 5 assist e può migliorare ancora, l’esterno della Sampdoria è un giocatore molto affidabile, che tira i calci piazzati ed è anche vice rigorista, inoltre è reduce da un’annata condita da 5 gol e 7 assist.

Altri tre nomi da tenere d’occhio sono Mikkel Damsgaard, Antonin Barak e Matteo Pessina: il danese ha stupito nella scorsa stagione e punta a migliorarsi ulteriormente in questa, il ceco è uno dei titolari di provincia che dà più garanzie, inoltre viene da un’annata con ben 7 gol messi a segno, proverà a confermarsi su questi livelli, l’italiano invece ha realizzato solo 2 reti nella scorsa stagione, ma gioca praticamente sempre e in passato ha dimostrato di avere il senso del gol, dunque ci si può puntare.

Mikkel Damsgaard (Sampdoria)
Mikkel Damsgaard (Sampdoria)

Gli ultimi quattro profili che consigliamo sono quelli di Gaetano Castrovilli, Giacomo Bonaventura, Razvan Marin e Fabian Ruiz: il centrocampista della Fiorentina viene da un campionato tra alti e bassi ma comunque chiuso con 5 gol all’attivo, il suo compagno di squadra ha avuto più o meno lo stesso rendimento, realizzando appena 3 reti, ma quest’anno sembra essere molto più in palla, la mezzala del Cagliari è forse una sorpresa in questo gruppo, ma l’anno scorso ha fatto molto bene con 3 gol e 5 assist, inoltre tira i calci piazzati, infine lo spagnolo del Napoli giocherà praticamente sempre ed ha il piede caldo, i suoi tiri da fuori sono spesso letali, perciò pensate anche a lui.

Le scommesse: talenti a sorpresa

Una fanta-squadra ovviamente non può essere fatta solo di top o di buoni titolari, ci vogliono anche quei giocatori poco conosciuti che costano poco e possono completare la vostra rosa, magari risultando decisivi o comunque importanti per il vostro Fantacalcio: sono le scommesse, quei giocatori da studiare prima dell’asta, quei talenti a sorpresa su cui puntano in pochi ma che poi ti rendono orgoglioso se fanno bene. Partiamo con due giocatori che vengono dalla promozione in Serie A e dunque hanno grande entusiasmo, ovvero Mattia Aramu e Nedim Bajrami: il classe 1995 del Venezia è reduce da una grande stagione contraddistinta da 9 reti e 6 assist, è un ottimo rigorista ed è bravo anche nel calciare punizioni e corner, mentre il classe 1999 dell’Empoli viene da 5 gol e 8 assist nel ruolo di trequartista, anche lui tira bene dal dischetto ed è ancora molto giovane, coi suoi 22 anni.

Bajrami (Empoli)
Bajrami (Empoli)

Altri profili interessanti possono essere quelli di Tommaso Pobega e Teun Koopmeiners: l’italiano può giocare sia da mediano che da trequartista e soprattutto vede bene la porta, considerati i 6 gol in 17 presenze della scorsa stagione, l’olandese è appena arrivato all’Atalanta ma potrà ritagliarsi il suo spazio ed essere utile, ad esempio nei calci piazzati, e viene da ben 15 gol nell’annata passata, di cui 6 su azione e 9 su rigore.

Per chiudere ecco altre giovani e promettenti scommesse, ovvero Emanuel Vignato, Davide Frattesi, Ivan Ilic e Mohamed Ihattaren: il ragazzo del Bologna è in rampa di lancio ed è molto apprezzato dal suo allenatore, potrebbe avere tanto spazio, il secondo profilo è appena rientrato al Sassuolo dopo il prestito di Monza, nel quale si è messo in evidenza con 8 reti, il serbo si candida a una maglia da titolare e a regalare qualche bonus, infine l’olandese è stato acquistato dalla Juventus che lo ha subito girato in prestito alla Sampdoria, dove potrà far vedere tutte le sue qualità e il suo talento.

Di Orazio Musmeci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

      Miguel Veloso (Verona)

      Fantacalcio Mantra, guida all’asta: i consigli per il centrocampo

      Meret (Napoli)

      Fantacalcio, griglia dei portieri: le migliori alternanze del campionato