in ,

Fantacalcio Classic, i migliori attaccanti da prendere all’asta

La guida aggiornata ed i migliori consigli sugli attaccanti da prendere per il Fantacalcio Classic

Immobile (Lazio)
Immobile (Lazio)

I Top di reparto

Se fino all’anno scorso i top assoluti di reparto erano solo 2 o 3, adesso, con l’addio di Cristiano Ronaldo e Romelu Lukaku, rispettivamente 29 goal e 24 nella scorsa stagione, gli attaccanti che l’anno precedente erano considerati appena sotto ai top, balzano ai vertici.

Generalmente, e questo a seconda della strategia del fantallenatore, si dovrebbe puntare ad avere almeno un TOP di reparto, in grado di assicurare goal a valanga; ma c’è anche chi sceglie di prendere più Semi-Top, avendo più scelta in attacco.

Ciro Immobile è da qualche anno stabilmente nei top di reparto ed è l’unico rimasto, dopo gli addii del portoghese e del belga. Nella scorsa stagione ha segnato 20 goal in 35 partite; quest’anno è partito fortissimo ed ha già segnato 6 goal e fornito 2 assist in sole 6 partite, segnando anche una tripletta contro lo Spezia; l’attaccante italiano non sembra aver risentito del cambio tecnico in panchina e quest’anno si candida ad essere la certezza assoluta in attacco.

Appena sotto Immobile c’è l’attaccante dell’Inter Lautaro Martínez, che dopo l’addio di Lukaku è diventato la punta di diamante dell’attacco nerazzurro e porta sulle spalle il carico della squadra; ha già segnato 5 goal in 6 partite ed è il rigorista designato da Simone Inzaghi; coni rigori, l’argentino può certamente migliorare il bottino della stagione precedente, di 17 goal in 38 partite.

Victor Osimhen (Napoli)
Victor Osimhen (Napoli)

Per l’attaccante del Napoli Victor Osimhen, questa può essere la stagione della consacrazione: il tecnico partenopeo Luciano Spalletti è famoso nel far rendere molto bene i propri attaccanti e l’attaccante nigeriano gode della massima stima dell’allenatore; ha già segnato 4 goal in 6 partite e toccherà a lui trascinare i compagni nell’ambiziosa corsa allo scudetto.

Tammy Abraham, Dusan Vlahović e Paulo Dybala sono i centravanti titolari delle rispettive squadre; l’attaccante della Roma ha segnato 2 goal in 7 partite ma è stato finora molto sfortunato, avendo colpito diversi pali. Il tecnico José Mourinho lo ha voluto fortemente nel proprio progetto e certamente, con un po’ di fortuna in più, potrà segnare più costantemente; per la Roma è fondamentale.

Il centravanti della Fiorentina Dusan Vlahović è al centro di diversi rumors di mercato, così prenderlo è un rischio, perché non sarebbe da escludere un clamoroso addio a gennaio; in ogni caso, se dovesse rimanere è una certezza. Già 4 goal in 7 partite e potrà farne tanti altri; la Fiorentina sogna in grande questa stagione ed ha bisogno dei goal dell’attaccante serbo.

Dybala (Juventus) e Lautaro (Inter)
Dybala (Juventus) e Lautaro (Inter)

Paulo Dybala, dopo l’addio di Cristiano Ronaldo è tornato ad essere il rigorista della squadra ed il tecnico Massimiliano Allegri ha su di lui grosse aspettative. Per il momento solo 2 goal e 2 assist in 5 partite, ma c’è da considerare che la Juventus ha avuto un inizio di stagione piuttosto deludente; adesso i bianconeri sono reduci da 4 risultati positivi consecutivi e certamente serviranno i goal dell’argentino per risalire la classifica.

Luis Muriel l’anno scorso ha vissuto una stagione sorprendente, segnando 22 goal e fornendo 9 assist; l’attaccante colombiano ha segnato nella prima giornata di Serie A contro il Torino, per poi fermarsi per un infortunio che lo ha tenuto fuori dai campi per diverse giornate. Nella sfida contro il Milan ha giocato 34 minuti, subentrando ed adesso proverà a tornare alla migliore condizione fisica: sicuramente, per questi motivi costerà un po’ meno dei top di reparto citati prima, ma può essere preso anche quest’anno.

I Semitop

Lorenzo Insigne e Domenico Berardi vengono da due stagioni importanti; 19 goal per il primo e 17 per il secondo nella scorsa stagione. Entrambi sono rigoristi nella propria squadra e puntano a confermarsi ad alti livelli, anche perché sono i principali trascinatori delle rispettive squadre. Sia il Napoli che il Sassuolo hanno cambiato guida tecnica, ma entrambi gli allenatori prediligono un calcio propositivo e possono confermarsi ai livelli della scorsa stagione.

Zlatan Ibrahimović sta attraversando un inizio di stagione piuttosto complicato; l’attaccante svedese aveva saltato le prime due giornate di Serie A per un infortunio rimediato a maggio, salvo poi tornare nella terza giornata, segnando il goal del 2-0 da subentrato nella sfida contro la Lazio. Poi un fastidio al tendine d’Achille, che non gli ha permesso di scendere in campo nelle gare successive. In ogni caso, Zlatan ha voglia di tornare e sta lavorando al massimo per aiutare i suoi a raggiungere gli obiettivi stagionali; nelle aste può andare via a meno crediti dello scorso anno e può essere un’occasione importante: quando Ibrahimović è al meglio, ha dimostrato di poter fare ancora la differenza.

Dzeko (Inter)
Dzeko (Inter)

Edin Dzeko, Duvan Zapata e Joao Pedro stanno vivendo un ottimo momento. L’attaccante dell’Inter è l’attuale capocannoniere della Serie A con 6 goal in 7 partite; col passare delle giornate, bisogna tenere in conto che il suo rendimento possa calare, ma il titolare dei nerazzurri è lui, insieme a Lautaro Martínez.

Duvan Zapata e Joao Pedro, rispettivamente 15 e 16 goal nella scorsa stagione, rimangono delle certezze per i propri attacchi; anche quest’anno possono segnare lo stesso numero di goal e sono ottime scelte da affiancare ad un top assoluto di reparto.

Ottimi attaccanti

Tra gli ottimi attaccanti rientrano certamente Olivier Giroud, Alvaro Morata e Andrea Belotti. Il primo, soprattutto se Ibrahimovic dovesse continuare ad avere problemi fisici, si candida ad essere il titolare nell’attacco rossonero. Contro il Cagliari aveva segnato una bella doppietta, poi il Covid-19 ed alcuni problemi fisici lo hanno fermato; il francese nella sua carriera non è mai stato un vero bomber, lavorando tanto per la squadra, ma può certamente raggiungere almeno la doppia cifra.

Alvaro Morata e Andrea Belotti sono ottimi attaccanti, ma peccano di costanza; se in giornata, possono produrre prestazioni importanti, al contrario possono anche ricevere un voto negativo. Entrambi possono raggiungere e superare la doppia cifra, ma vanno affiancati a Top o Semi-Top per completare il reparto d’attacco.

Ciccio Caputo (Sampdoria)
Ciccio Caputo (Sampdoria)

Buoni attaccanti

Tra i buoni attaccanti rientrano Marko Arnautovic, Fabio Quagliarella, Francesco Caputo, Joaquin Correa e Ante Rebic. Arnautovic è stato fortemente voluto dal tecnico Sinisa Mihajlovic ed è anche il rigorista del Bologna; con 3 goal e 1 assist in 7 partite è il riferimento principale dei rossoblù ed è tornato in Italia per fare la differenza.

Quagliarella si è sbloccato nella partita contro l’Udinese grazie ad un rigore, dopo 6 giornate nella quale aveva cercato fortemente la via del goal. Insieme a Francesco Caputo è il riferimento della Sampdoria ed i suoi goal li ha sempre fatti, può confermare almeno la doppia cifra anche quest’anno. Joaquin Correa e Ante Rebic non sono sempre titolari, ma trovano comunque spazio a gara in corso; sono giocatori da assist e goal e si possono prendere, se non vengono pagati troppo.

Di Matteo Bufano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

      Victor Osimhen (Napoli)

      Fantacalcio, i migliori attaccanti da acquistare al Mantra

      Tomori (Milan)

      Fantacalcio, si riparte: ecco su chi puntare in difesa